Seleziona una pagina

Rapporto dell’Istituto Superiore della Sanità

Il perossido di idrogeno è un principio attivo biocida approvato ai sensi del BPR per i disinfettanti PT1, PT2, PT2, PT4 e PT5. Alla luce dei dati disponibili nel CAR – Competent Authority Report (Relazione dell’autorità competente) – presso ECHA (Agenzia europea delle sostanze chimiche) risulta che il principio attivo è efficace contro numerosi microorganismi (batteri, lieviti, funghi e virus). Specificamente, per quanto riguarda i virus, il perossido di idrogeno è risultato efficace contro poliovirus e adenovirus.

Valutazione tecnico-scientifica
Il meccanismo d’azione del perossido d’idrogeno è legato alle sue proprietà ossidanti e alla denaturazione dei componenti essenziali di microrganismi quali membrane lipidiche, proteine ed acidi nucleici. L’attività antimicrobica scaturisce infatti dalla formazione di potenti ossidanti, quali i radicali idrossilici e i “singlet” dell’ossigeno.
Tali specie reattive causano danni irreversibili ai componenti cellulari e al DNA.
Attraverso il processo di erogazione, l’obiettivo è quello di favorire il più rapidamente possibile la formazione di un film sottile di perossido di idrogeno sulle superfici esposte. Una volta erogata la quantità necessaria di perossido di idrogeno, si passa alla fase di aerazione dove il vapore di perossido di idrogeno viene convertito cataliticamente in ossigeno e acqua. Tale applicazione è soprattutto utilizzata per sterilizzare componenti elettroniche e dispositivi medici (DM).

Per la disinfezione delle superfici/ambienti il perossido di idrogeno può essere applicato mediante aerosol o vapore. La diffusione mediante aerosol, con apparecchiature in grado di produrre particelle nell’ordine di 3-5 μm, ne consente una diffusione uniforme nell’ambiente. Responsabili dell’azione biocida del prodotto sono i radicali ossidrilici OH-, altamente ossidanti. L’applicazione di perossido di idrogeno vaporizzato si è dimostrata efficace oltre che su un gran numero di microorganismi anche per il trattamento di ambienti ospedalieri che avevano ospitato pazienti affetti da virus Lassa ed Ebola (56,57).
Considerata la classificazione del principio attivo, come anche il metodo di applicazione, l’utilizzo di perossido di idrogeno vaporizzato/aerosolizzato è ristretto ai soli operatori professionali. Per i trattamenti andranno pertanto osservate le precauzioni del caso (DL.vo 81/2008) ed è inoltre necessario rispettare i tempi per l’accesso ai locali e i tempi di decadimento.

– estratto dal rapporto 15 maggio 2020

Visita il sito dell’Istituto Superiore di Sanità

Garantito sicuro contro il Covid-19

Consigliato dal Ministero della Salute per la sua efficacia contro il Covid-19, il perossido di idrogeno è totalmente innocuo per l’uomo e per l’ambiente e permette di effettuare rapide sanificazioni di ogni ambiente, senza causare danni ai materiali e agli impianti elettronici.
L’8 maggio 2020 il Ministero della Salute è intervenuto sul tema dell’efficacia del perossido d’idrogeno contro il Covid 19, affermando che è un composto chimico con funzione di disinfettante consigliato per la prevenzione da Coronavirus negli ambienti sanitari.
È importante ricordare che una semplice disinfezione delle superfici non è sufficiente a sanificare completamente un ambiente da Covid-19, perché gli agenti patogeni rimarrebbero sospesi nell’aria e in poco tempo si depositerebbero di nuovo sulle superfici. È dunque necessario che anche per gli ambienti di lavoro si opti per una sanificazione ambientale totale, sia dell’aria che delle superfici, affidandosi ad aziende esperte che conoscano le modalità di intervento più efficaci per ogni tipo di locale.